Chiudi
INmyBank
INmyBank
Codice utente
Password
Accedi
Scarica l'app CRCento SmartBank
CORE Banking
CORE Banking
Codice Postazione
Alias
Password
Accedi
Scarica l'app CRCento mobile CORE
Chiudi
Ricerca nel sito
Ricerca nel sito
Cerca
Informative
Informative
Men¨
Chiudi
MiFID II
La Direttiva MiFID (Market in Financial Instrument Directive) Ŕ stata adottata nel 2004, Ŕ entrata in vigore il 1░ novembre 2007 e ha costituito un passo importante verso la costruzione di un mercato finanziario integrato efficace e competitivo all'interno dell'Unione Europea.
La revisione della Direttiva MiFID Ŕ stata effettuata mediante un insieme di Direttive e Regolamenti tra i quali i due testi normativi principali sono la Direttiva 2014/65/UE (MiFID II) e il Regolamento (UE) 600/2014 (MiFIR).
Le novitÓ, entrate in vigore il 3 gennaio 2018, riguardano principalmente:
  • misure in ambito "Investor Protection", rivolte agli intermediari e finalizzate a incrementare la tutela degli investitori nell'erogazione dei servizi di investimento;
  • misure in ambito "Mercati", rivolte agli intermediari finanziari e ai gestori delle sedi di negoziazione, finalizzate a incrementare la trasparenza, a migliorare la qualitÓ di esecuzione e a garantire un corretto funzionamento dei mercati finanziari.
Principali impatti per gli investitori

Con riferimento alla tutela degli investitori, MiFID II rafforza i presidi in tema di "trasparenza" e di "regole di condotta" da parte degli intermediari, introducendo nuovi obblighi a carico di questi ultimi. In particolare introduce:
  • obblighi di comunicazione dei costi, degli oneri e degli incentivi connessi ai prodotti finanziari e ai servizi di investimento distribuiti sia ex-ante, sia ex-post attraverso l'introduzione di un'apposita informativa annuale che verrÓ inviata al cliente;
  • obblighi di valutazione del target di clienti a cui offrire i prodotti finanziari al fine di evitare la distribuzione di soluzioni di investimento non idonee;
  • l'obbligo di garantire che il personale che offre il servizio di consulenza in materia di investimenti o che fornisce informazioni su prodotti finanziari possieda adeguate competenze ed esperienze;
  • obblighi di rafforzamento delle politiche di gestione dei conflitti di interessi che potrebbero insorgere nello svolgimento dei servizi di investimento, nonchÚ degli incentivi percepiti dalla Banca, che saranno ammissibili solo se finalizzati all'incremento della qualitÓ del servizio reso al cliente;
  • l'obbligo di comunicare la tipologia di servizio di consulenza prestato, (su base indipendente o non indipendente) e l'obbligo di valutare periodicamente l'adeguatezza degli investimenti e le motivazioni per cui le proposte di investimento sono considerate adeguate ai bisogni e alle caratteristiche del cliente.
Contratti sui servizi di investimento

Al fine di recepire la normativa, Cassa di Risparmio di Cento ha rivisto i testi contrattuali che regolano la prestazione dei servizi di investimento:
  • Contratto per la prestazione dei servizi di negoziazione per conto proprio, esecuzione di ordini per conto del cliente, ricezione e trasmissione di ordini, deposito a custodia e/o in amministrazione di strumenti finanziari;
  • Contratto per la prestazione dei servizi di negoziazione per conto proprio, esecuzione di ordini per conto del cliente, ricezione e trasmissione di ordini, deposito a custodia e/o in amministrazione di strumenti finanziari, collocamento e distribuzione e consulenza "semplificata" in materia di investimenti;
  • Contratto per la prestazione dei servizi di negoziazione per conto proprio, esecuzione di ordini per conto del cliente, ricezione e trasmissione di ordini, deposito a custodia e/o in amministrazione di strumenti finanziari, collocamento e distribuzione e consulenza "di base" in materia di investimenti;
  • Contratto per la prestazione dei servizi di negoziazione per conto proprio, esecuzione di ordini per conto del cliente, ricezione e trasmissione di ordini, deposito a custodia e/o in amministrazione di strumenti finanziari, collocamento e distribuzione e consulenza "avanzata" in materia di investimenti;
  • Contratto per la Gestione di Portafogli e Servizi Accessori
Questionari di profilatura

La Banca fornisce i servizi di investimento ai clienti sulla base delle informazioni raccolte per il tramite del questionario di profilatura. Il cliente pu˛ decidere se fornire alla Banca un set informativo completo (conoscenze ed esperienze finanziarie, obiettivi di investimento, obiettivo temporale, situazione finanziaria inclusa la capacitÓ di sostenere le perdite) attraverso la compilazione del questionario di adeguatezza, oppure se fornire un set informativo ridotto (conoscenze ed esperienze finanziarie) attraverso la compilazione del questionario di appropriatezza.
Nel primo caso la Banca avrÓ a disposizione le informazioni necessarie per l'erogazione di tutti i servizi di investimento, inclusi il servizio di consulenza in materia di investimenti e il servizio di gestione di portafogli, mentre nel secondo caso la Banca potrÓ erogare esclusivamente il servizio di ricezione e trasmissione di ordini e di esecuzione di ordini per conto della clientela. La Banca eroga il servizio di collocamento in connessione con il servizio di consulenza in materia di investimenti.


Strategia di trasmissione e di esecuzione degli ordini

Per garantire informazioni corrette, chiare e non fuorvianti, la Banca offre la massima trasparenza sulle modalitÓ di trattamento di ordini pubblicando:
Condividi
Condividi su Facebook
Condividi su Linkedin
Copia link